Pillole storiche_Modena

0 Condivisioni
0
0
0
0

SONY DSC

La città di #Modena, comune di circa 180 mila abitanti e capoluogo della omonima provincia, sorge nel mezzo dell’#Emilia Romagna lungo il tracciato dell’antica via #Emilia.

Racchiusa ad ovest e ad est rispettivamente dai fiumi Secchia e Panaro, entrambi affluenti di destra del fiume #Po, la città di Modena trova nell’acqua un elemento fortemente caratterizzante la propria storia ed identità.

Del resto il nome più antico della città, Mutina, (termine latino derivante dall’etrusco Mutna) allude forse a un antico insediamento terramaricolo (da Mut = “luogo rialzato”) e nello stemma cittadino risaltano due trivelle incrociate accompagnate dalla scritta “Avia Pervia” (rendere facile la strada più difficile), allusione allo spirito tenace di una comunità in grado di valorizzare un territorio originariamente paludoso ed inospitale.

SONY DSC

La città era infatti solcata da diversi canali, già sotterrati nel corso del Medio Evo per ovvie ragioni igieniche, della cui presenza, pur se occulta, permane il segno grazie alle denominazioni di diverse vie del centro storico ispirate ai corsi d’acqua che sovrastano (corso Canalgrande, via Canalino, corso Canalchiaro).

SONY DSC

Già importante sede vescovile e comune intorno all’anno 1000, oltre che sede dal 1175 del quarto ateneo universitario più antico in Italia (ottavo su scala mondiale), la città viene assoggettata al Ducato Estense nel XIII secolo, per poi diventarne la capitale dal 1598 fino all’unità d’Italia.

SONY DSC

Nel secondo dopoguerra, un boom economico travolgente porta nel territorio modenese una ricchezza senza precedenti, rendendolo una delle zone di produzione economica più rilevanti di tutta #Europa.

Andrea e Matteo

( instagram: @aviapervia )

SONY DSC

 

0 Condivisioni
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbe piacerti anche